India

+ Antichi / India


Amristar

+ Antichi / India


Agra

+ Antichi / India


Tessuto

Informazioni storicheInformazioni storiche

La tessitura dei tappeti in India si diffuse in epoca Moghul. Nel Seicento e nel Settecento la produzione risentì dell’influenza dell’arte persiana, con tappeti dal fitto ornato floreale stilizzato o riprodotto con grande attenzione al dettaglio.

 

Nel corso dell’Ottocento, accanto ai tappeti pregiati anche di grandi dimensioni, cominciarono ad essere annodati manufatti meno accurati, destinati all’esportazione. Questi sono prodotti ancora oggi e si caratterizzano per una struttura in cotone, nodi asimmetrici e motivi decorativi ispirati alla più classica produzione persiana.

 

La realizzazione dei tappeti annodati in India è documentata soltanto dall’affermarsi della dinastia Moghul, nel tardo Cinquecento. Almeno fino alla seconda metà dell’Ottocento, prima della progressiva “commercializzazione” del prodotto, l’arte della tessitura, direttamente ispirata alla tradizione persiana, si mantiene a livelli di grande raffinatezza e tecnica decorativa.

 

La collezione di tappeti presentata da Pashà è una sintesi felice di un universo di segni e disegni di altissima classe e di preziosa fattura ed offre ai raffinatissimi prodotti di questa grande terra una nuova dimensione e una sorprendente, prestigiosa vetrina.

 

Amore per il particolare, attenzione naturalistica, ricchezza di sfumature cromatiche, perfetta tecnica di esecuzione con nodi asimmetrici a densità variabile - in funzione delle esigenze decorative - ottenuti su di un sottofondo in robusto cotone: sono queste alcune delle caratteristiche salienti di una produzione di per sé molto articolata e di difficile catalogazione.

 

Nei tappeti prodotti tra India e Pakistan (Punjab, Kashmir, Agra, Uttar Pradesh, Jaipur, Rajasthan, Masulipatam ed Ellora sono i principali centri di lavorazione), si incrociano e mescolano stili e influenze differenti, che creano una grande varietà di tipologie.